TOR-RM-0001 TORRE DEL GRILLO   ( DMSI - , TORRI )   Facebook    Twitter

Apparecchiature Usate:

Non Specificato


Note Attivazione:

Non Specificato
Indirizzo Referenza: Salita del Grillo

Indirizzo Postazione: Salita del Grillo

Regione: Lazio

Citta: Roma (Roma)

Cap: 00184

Sito Web: Sito Web

Attivatore: Non Specificato

Distanza postazione: 0 metri


Descrizione:

Torre del Grillo ex Marchionne, Salita del Grillo, Rione Monti, Roma, da cui si accede in direzione della via Tor de Conti, e verso la Torre dei Conti, attraverso l'Arco dei Conti, è una torre medioevale ben conservata in laterizio, con finestre rettangolari in pietra, coronamento a beccatelli con grifoni agli angoli, e con una epigrafe commemorativa che reca il nome del Grillo e di Marchionne Aretino che fu l'architetto che sembra abbia fatto edificare la torre. Questa fu anche chiamata Torre Miliziola per distinguerla dalla grande Torre delle Milizie, durante il breve periodo in cui la Torre del Grillo fu in possesso dei Conti. La Torre del Grillo fu fatta edificare nel 1223 di proprietà ghibellina escluso il periodo in cui passò temporaneamente dai Carboni ai Conti. Questa torre fungeva a difesa contro i Caetani i quali possedevano un castello nell'area dei fori di Traiano. La torre passa alla famiglia del Grillo nel XVII secolo ed è allora che il Marchese Cosmo del Grillo fece apporre nel 1675 la firma del Grillo ex Marchionne Aretino. Dall'alto di questa torre il marchese del Grillo si divertiva a prendere a sassate gli ebrei che odiava (fatto estremamente deprecabile ovviamente), in quanto in quel periodo questa zona era transitata dagli ebrei riconoscibili per lo sciamano che indossavano. Il Rabbino dell'epoca se ne lamentà con il Papa, il quale chiamò a colloquio il Marchese per rimproverarlo dicendogli : "se proprio non puoi farne a meno, allora getta della frutta". Il merchese non se lo fece ripetere e cominciò a raccogliere e a gettare grosse pigne per non venir meno al disposto papale e cosi continuare ad esprimere il suo astio verso gli ebrei. Pertanto a Roma circolava il detto "Salutiamo il guerriero Del Grillo che gli ebrei a pignate pigliò". Da qui forse il detto romanesco : "Con le pigne in testa".

Vedi Dettagli Giudizi



Nessun Giudizio presente per questa Referenza. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?